Analisi biochimiche cliniche

Docenti: 
BACCIOTTINI Franco
Crediti: 
5
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Settore scientifico disciplinare: 
BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA (BIO/12)
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua dell'insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire le informazioni ed i supporti scientifici per un corretto approccio metodologico che sviluppi conoscenze e le necessarie capacità di comprensione degli argomenti di Biochimica Clinica, specifico per lo studente del CdLS in Farmacia.
Tali conoscenze e capacità saranno messe alla prova per poter essere applicate durante la pratica lavorativa da parte di una figura professionale che si pone all’interfaccia del Sistema Sanitario Nazionale, (tra paziente e strutture sanitarie, dove è necessaria una appropriata abilità comunicativa); inoltre, data la specificità e la complessità dei prodotti diagnostici, dei dispositivi di autoanalisi e dei materiali per la raccolta-prelievo, trattamento e conservazione di campioni biologici, comunemente reperibili in farmacia, il corso è strutturato in modo da fornire i mezzi per integrare in modo autonomo le conoscenze e gestire le situazioni complesse che si presenteranno nello svolgimento della professione.

Prerequisiti

Non sono previste propedeuticità obbligatorie, ma considerando che la Biochimica Clinica è una materia interdisciplinare, è opportuno che lo studente abbia ben presenti i concetti fondamentali di Biologia, Anatomia, Fisiologia, Chimica e Biochimica.

Contenuti dell'insegnamento

La prima parte del corso riguarda lo studio dei campioni biologici per conoscerne le caratteristiche e le possibili alterazioni in relazione alla preparazione del soggetto al prelievo come pure alla raccolta, trattamento e conservazione del campione (variabilità pre-analitica).
Successivamente, verranno richiamati i principi base delle metodiche e delle relative strumentazioni impiegate nelle tecniche di dosaggio più frequentemente usate in biochimica clinica: variabili analitiche e post-analitiche che possono influenzare il dato, principi e procedure del controllo di qualità con particolare riferimento alle analisi al di fuori del laboratorio centralizzato (POCT: Point Of Care Testing). Evoluzione della tecnologia POCT – Preparati per test diagnostici.
Nella terza parte del corso si prenderanno in considerazione le diverse situazioni in cui è possibile applicare la tecnologia POCT, con particolare riferimento alle competenze che sono richieste ai professionisti che operano nella farmacia (Dlgs 153/2009): iperglicemie e ipoglicemie, malattia diabetica e complicanze; (auto)monitoraggio della glicemia; dislipidemie, prodotti diagnostici nel monitoraggio dei trigliceridi, colesterolo e lipoproteine nel sangue; automonitoraggio e rischio cardiovascolare. Analisi dell’urina.
Inoltre, si forniranno le basi per comprendere e trattare i più comuni marcatori di funzione e di lesione d’organo: indici di citolisi; enzimologia clinica; parametri di funzionalità cardiaca; parametri di funzionalità epatica e renale; marcatori tumorali; monitoraggio terapeutico dei farmaci e delle sostanze di abuso.

Programma esteso

Parte 1. Il laboratorio di chimica clinica: generalità. Le analisi nel laboratorio di chimica clinica. Il campione biologico: preparazione del soggetto, raccolta, trattamento e conservazione (variabilità pre-analitica).
Parte 2. Analisi dei campioni biologici, tecniche di separazione e misura. Principali metodologie biochimiche e principi di valutazione delle molecole di interesse chimico-clinico. Variabili analitiche e post-analitiche che possono influenzare il dato. Il controllo di qualità. Preparati per test diagnostici.
Parte 3. Analisi chimico-cliniche al di fuori del laboratorio centralizzato. (POCT: Point Of Care Testing). Criteri per il decentramento delle analisi chimico cliniche. Controllo di qualità nel POCT. Evoluzione della tecnologia POCT – Prodotti Diagnostici. Utilizzo al di fuori del sistema di controllo di qualità. Tipi di campioni biologici utilizzabili e loro trattamento al di fuori del laboratorio centrale. Analisi chimico cliniche “al letto del malato” e “sul campo” o “sul luogo di lavoro”. Automonitoraggio di alcuni parametri metabolici.
Parte 4. POCT: Applicazioni in Biochimica Clinica. Iperglicemie e ipoglicemie. Malattia diabetica e complicanze. Parametri biochimico clinici significativi nel (auto)monitoraggio della glicemia. Dislipidemie. Prodotti diagnostici nel monitoraggio dei trigliceridi, colesterolo e lipoproteine nel sangue. Automonitoraggio e rischio cardiovascolare. Analisi dell’urina
Parte 5. Cenni di Biochimica Clinica specialistica. Marcatori di funzione e di lesione dei principali organi e apparati. Indici di citolisi, enzimologia clinica e parametri di funzionalità cardiaca. Parametri di funzionalità epatica e renale Marcatori tumorali. Monitoraggio terapeutico dei farmaci e sostanze di abuso.

Bibliografia

- Kellerman G. Valori anormali di laboratorio. Mc Graw Hill
- Tietz Textbook of Clinical Chemistry and Molecular Diagnostics. Elsevier Saunders, St.Louis (Missouri)-USA.

Metodi didattici

Il corso si avvale principalmente di lezioni frontali, ma strutturate in modo che ad ogni necessaria illustrazione dei temi fondamentali di Biochimica Clinica seguano simulazioni di situazioni che possono presentarsi durante l’attività professionale, a seconda delle diverse tipologie di attività (rurale, urbana, ospedaliera, laboratorio di analisi).
Compatibilmente con il tempo a disposizione si cercherà di portare lo studente a familiarizzare con le banche dati disponibili per un aggiornamento autonomo sulle tematiche di Medicina di Laboratorio e, possibilmente, portando piccoli gruppi a visitare strutture in cui è operativo un laboratorio di analisi Biochimico Cliniche.

Modalità verifica apprendimento

Per il modulo di Analisi Biochimico Cliniche è previsto un esame finale orale incentrato sugli argomenti del programma. Lo studente dovrà dimostrare di aver compreso e di essere in grado di utilizzare i concetti fondamentali di ogni argomento, rispondendo a domande orientate a verificare le abilità di carattere tecnico (criteri che permettono di ottenere un dato di laboratorio attendibile), le conoscenze sui livelli d’indagine e la gestione di situazioni pratiche. In ognuna di queste situazioni verrà verificato il grado di padronanza dell’argomento e su questo criterio si attribuirà il punteggio, utile al voto finale.

Altre informazioni

Il materiale utilizzato per la predisposizione delle attività didattiche (diapositive, testi diversi da quelli di riferimento, fonti diverse accessibili in rete ecc.) è esplicitato nel corso delle lezioni ed è a disposizione su richiesta dello studente.